Cecilia Francese
Sindaca di Battipaglia

Racconto della campagna di comunicazione vincente alle amministrative 2021.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Elezioni comunali 2021. La Sindaca di Battipaglia Cecilia Francese cerca la riconferma dopo 5 anni di governo segnati da significative difficoltà dovute sia alla pandemia sia alle marcate problematiche socio-economiche del territorio, ma anche caratterizzati da un’amministrazione che ha gettato le premesse istituzionali per il rilancio della Città.
In questo contesto abbiamo lavorato ad un piano di marketing strategico ed operativo coniugando tecniche di ricerca sociale all’analisi dei dati e dello scenario, che hanno evidenziato, tra gli elettori, un diffuso bisogno di stabilità amministrativa.

Il core della domanda elettorale

Le esperienze di governo precedenti si erano caratterizzate per la loro fragilità politica, e in alcuni casi, per corruzione. Prima della Francese, nessuna amministrazione nei 30 anni precedenti è riuscita a durare 5 anni e a portare a termine il mandato.

Il bisogno di stabilità, di rigore morale, di presenza costante e di prossimità sociale, era questo il core della domanda elettorale degli elettori battipagliesi: una città competitiva, ma prima di tutto una città normale.

Quando il bisogno di stabilità è più forte della retorica del cambiamento

Stabilità, bisogno di continuità: una combinazione di istanze – emerse dall’analisi del sentimento popolare – congeniali alla sindaca uscente ma distanti dalla narrazione del suo avversario, che invece si presentava al suo elettorato come la discontinuità.

In questo scenario la retorica del cambiamento non è stata sinonimo di miglioramento.

Battipaglia, infatti, necessitava che si continuasse a ridurre il grado di disordine e si ripristinasse una condizione di normalità. Senza ulteriori scossoni, senza ulteriori disordini amministrativi.

Posizionamento strategico

La strategia comunicativa elaborata per la sindaca Cecilia Francese si è sviluppata procedendo su due direttrici fondamentali: la prima tesa, in una prima fase, a mobilitare emotivamente ed identitariamente l’elettorato, facendo leva su i tratti personali del candidato. Cecilia, la donna comune ed eroina popolare, è pronta a difendere la città da chi vuole minarla destabilizzando l’equilibrio raggiunto, ed ecco il claim – poi successivamente tagline – “Finché avrò fiato”.

Avanti con Cecilia, l'altro claim

Nella seconda fase, invece, favorita dall’esito dei nostri sondaggi che vedevano la coalizione di Cecilia nettamente in vantaggio, si è deciso di riposizionare con più forza il candidato sui temi della continuità amministrativa rimarcando i risultati di governo.
Il claim diventa “Avanti con Cecilia”.
La strategia comunicativa multicanale si è quindi focalizzata sulla valorizzazione dell’operato della sindaca uscente, senza rinunciare a trasmettere l’immagine di “Sindaca del Popolo” e l’appartenenza ai valori identitari della Città di Battipaglia.

I frame narrativi

Basandoci sull’analisi dello scenario, dei competitor e del target elettorale degli elettori battipagliesi, senza distinzioni di appartenenza ideologico-politica, sono stati individuati i principali frame narrativi.
Si è scelto di porre l’accento sui tre primati del suo quinquennio di governo: stabilità politica e conclusione del mandato, risanamento di 39 milioni di euro di debiti contratti dai predecessori e record di 23,5 milioni di euro di fondi di acquisiti per opere pubbliche.

Affidabilità, stabilità, autenticità, diventano parti inscindibili dell’identità della Sindaca.